Cos’è e a cosa serve la glutammina? Domande e risposte

glutammina-cosa-e-cosa-serve

In questo nuovo approfondimento parliamo di un aminoacido ampiamente utilizzato negli integratori alimentari e, in particolare, in quelli destinati agli sportivi: la glutammina. Ma che cos’è la glutammina? A cosa serve? Dove si trova e quando è consigliato utilizzarla? Conosciamola meglio insieme!

Che cos’è la glutammina?

La glutammina è un aminoacido naturalmente presente nel nostro organismo. Si tratta di un aminoacido non essenziale, in quanto il nostro organismo è in grado di sintetizzarlo a partire da altri aminoacidi, in particolare a livello del tessuto muscolare. Tuttavia, in determinate circostanze (quali, ad esempio, l’esercizio fisico intenso, i traumi fisici, lo stress o alcune condizioni patologiche), la richiesta tissutale di glutammina può aumentare, fino a superare la produzione endogena: in questi casi, la glutammina risulta condizionatamente essenziale e diventa necessario integrarla, per fare fronte all’incapacità dell’organismo di produrne in quantità sufficienti a soddisfarne i fabbisogni.

Quali funzioni svolge la glutammina nell’organismo?

La glutammina è l’aminoacido in forma libera più abbondante nel plasma e nel muscolo scheletrico e svolge numerose funzioni:

  • è la fonte energetica principale per diverse cellule del sistema immunitario, quali linfociti e macrofagi
  • è un importante substrato nutritivo per gli enterociti e ne stimola la proliferazione, migliorando così la permeabilità intestinale
  • è coinvolta nella riduzione dei livelli di ammoniaca e nell’equilibrio acidobase sistemico
  • supporta la sintesi proteica muscolare in fase anabolica
  • contrasta il catabolismo, la degradazione proteica e l’apoptosi cellulare
  • incrementa il volume cellulare favorendo l’ingresso di acqua e di nutrienti nelle cellule
  • partecipa alla gluconeogenesi
  • è coinvolta nei meccanismi di protezione antiossidante del corpo, in quanto precursore del glutatione
  • è precursore del glutammato, un neurotrasmettitore eccitatorio che supporta funzioni cognitive come la concentrazione e la memoria

Perché la glutammina è importante per chi pratica sport?

La glutammina è un aminoacido importante per l’organismo in generale ma, proprio in virtù del suo coinvolgimento in molti processi metabolici, riveste un ruolo centrale per tutti coloro che praticano attività fisica prolungata. Perché?

Innanzitutto, la glutammina viene “consumata” durante la contrazione muscolare, quindi in occasione di allenamenti e competizioni, con conseguente riduzione dei livelli di questo aminoacido e aumento del fabbisogno muscolare: la glutammina, infatti, è strettamente correlata alla sintesi proteica ed un suo deficit compromette l’anabolismo e rallenta la gluconeogenesi.

Allo stesso modo, data l’importanza della glutammina nella crescita e proliferazione delle cellule immunitarie e di quelle intestinali, una sua carenza nell’organismo di uno sportivo può indebolirlo e favorire il “sovrallenamento”. Questa condizione, naturalmente, è indesiderabile, perché compromette le prestazioni degli atleti e può rappresentare un rischio per la loro salute.

La glutammina favorisce anche i meccanismi antiossidanti del corpo, perché è un precursore del glutatione: in questo modo, aiuta a contrastare lo stress ossidativo indotto dall’attività sportiva.

Infine, la glutammina supporta le funzioni cognitive, come concentrazione e attenzione, molto importanti anche per gli atleti, in particolare durante le gare e le competizioni prolungate.

Per questi motivi, il mantenimento dei livelli di glutammina, sia attraverso l’alimentazione che tramite integrazione nella fase di recupero, può risultare utile perché favorisce la ricostituzione delle proteine muscolari e delle scorte di glicogeno e mantiene la glicemia costante. Inoltre, può aiutare a contrastare l’abbattimento delle difese immunitarie, la sensibilità alle infezioni, l’elevata permeabilità intestinale e la riduzione della concentrazione tipici degli atleti che praticano sport di elevata durata e intensità.

Quali sono gli integratori e gli alimenti più ricchi di glutammina?

La glutammina si trova in quantità elevate soprattutto nella carne, nelle uova e nei latticini. La glutammina è presente in buone quantità anche nei legumi e nella frutta secca.

In caso di carenza di glutammina, è possibile aumentarne i livelli anche attraverso l’assunzione di integratori alimentari monocomponente o proteici. Ad esempio, sia le proteine del siero di latte che le caseine ne sono particolarmente ricche.

Glutammina come supplemento: quanta e quando?

Glutammina pre workout o post allenamento? Quanta assumerne? L’assunzione di glutammina è consigliata sia nel post che nel preworkout e, generalmente, si aggira intorno ai 5 grammi al giorno. L’assunzione post-workout è da preferire.

È bene ricordare che l’utilizzo di integratori di glutammina è sconsigliato in gravidanza ed in tutti quei soggetti che hanno problematiche a livello renale.

Integratori glutammina: quali prodotti consigliamo?

GLUTA+

GLUTA+ è un integratore alimentare per sportivi che apporta 5 g per dose giornaliera di L-glutammina Kyowa Quality®. GLUTA+ è particolarmente indicato per chi pratica attività fisica intensa.

XPLOSION+ ENERGY

XPLOSION+ Energy è un integratore alimentare a base di glutammina, creatina, acetil-L-carnitina, vitamine e minerali, adatto a tutti – anche agli sportivi. La formulazione di XPLOSION+ Energy supporta l’organismo nei periodi di particolare affaticamento fisico e mentale ed è molto versatile: infatti, al dosaggio di 2 buste al giorno, XPLOSION+ Energy rappresenta un ottimo supporto per tutti gli sportivi, perché apporta 5 g di glutammina e 3 g di creatina.

 

Di Federica Colonna

Team R&D 4+ Nutrition

administrator
Esperti, nutrizionisti, chef e preparatori al tuo servizio. Ecco i nostri consigli per mangiare sano, allenarsi nel giusto modo, raggiungere il tuo obiettivo e perseguire il benessere di mente e corpo!